VIAGGIO NELLE MERAVIGLIE DEL DELTA DEL PO

Il delta del Po
 
IndicePortaleCalendarioGalleriaFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi
Benvenuti BENVENUTI Benvenuti
Meteo
Informazioni ambientali.

eventuale testo quando mette il mouse sull'imagine

Argomenti simili
Translate
Cerca
 
 

Risultati per:
 
Rechercher Ricerca avanzata
La chat del sito
Qui potete accedere alla chat del sito e parlare con tutti i presenti delle vostre esperienze e di tante alltre cose. BUONE CHIACCHERE

eventuale testo quando mette il mouse sull'imagine

Ultimi argomenti
» Traghetto ecologico
Dom Mar 09, 2014 11:10 am Da areadelta

» Foto del tonno pinne gialle
Dom Mar 09, 2014 8:34 am Da areadelta

» Caduta la quercia di San Basilio
Sab Lug 06, 2013 12:29 am Da Francesco

» Negozi
Mar Feb 12, 2013 7:33 am Da Francesco

» Il delta febbraio 2011 (nebbia)
Mar Feb 12, 2013 7:30 am Da Francesco

» Nebbia nel Delta del Po
Mar Feb 12, 2013 7:27 am Da Francesco

» La madonna del vaiolo
Gio Dic 06, 2012 5:54 am Da Francesco

» Tromba d'aria a Taglio di Po
Mar Set 25, 2012 2:38 am Da Francesco

» Contagiri stroboscopico digitale professionale
Gio Set 06, 2012 7:44 am Da Francesco

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
La pesca
www.areadelta.net
Settembre 2018
LunMarMerGioVenSabDom
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
CalendarioCalendario
BlogItalia - La directory italiana dei blog

Condividi | 
 

 Adria Antico porto: la storia

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Francesco
Admin
avatar

Messaggi : 315
Data d'iscrizione : 15.08.10
Località : Taglio di Po

MessaggioTitolo: Adria Antico porto: la storia   Gio Nov 11, 2010 8:58 am

ADRIA

Adria città in provincia di Rovigo con 20.442, abitanti è il secondo comune più popolato della provincia. Le prime tracce storiche risalgono al periodo tra X ed VI secolo (e si chiamava Hatria o Atria) quando i Veneti costruirono palafitte sul terreno paludoso che, all'epoca si affacciava sul mare. Altrettanto antica è la frequentazione greca del delta del Po (XII-XI secolo a.C.). Le molti lagune presenti anticamente lungo tutta la costa settentrionale, che andava dalle foci del Po fino a Grado, rendevano sicura la navigazione. L'interesse dei Greci per questa zona era dato dal fatto che nel Delta del Po veniva commercializzata l'ambra proveniente dal Baltico, una delle più importanti e pregiate. All'inizio del VI secolo a.C Adria era ancora un semplice insediamento etrusco , che a quei tempi sfociava nel mare e seguiva quello che oggi è il corso del Canal bianco, che all'epoca era chiamato Po di Adria. I Greci per gestire meglio la vendita di ambra in tutto il Mediterraneo, fondarono un emporion per curare direttamente l'importazione. In quesro modo Adria divenne così famosa da dare il suo nome prima al ramo del Po su cui sorgeva, indi al golfo tra la foce del Po e l'Istria Adrias Kolpos) e poi all'intero mare fino al Golfo Jonio (che per i greci si chiamava Ionios Kolpos). Per la posizione considerata strategica Adria, nel 385 a.C venne rifondata come colonia della potente Siracusa, nel quadro dell'espansione commerciale in Adriatico promossa dal tiranno siracusano Dionisio il grande. Le nuove colonie sorsero ad opera degli avversari politici dai tiranni, che vi stabilirono il regime democratico che era stato cancellato nella madrepatria. Insieme ad Adria vennero fondate Ancona e Issa. In seguito Adria devene preda dei Galli. Il continuo interramento del delta del Po dalla Rotta di Sermide (VIII secolo a.C), che ne cambiò il corso che allora arrivava fino all'attuale Ficarolo e poi piegava verso sud, allontanò la città dal mare; così facendo fù sempre più problematica la prosecuzione dell'attività portuale. Quando passarono le invasioni barbariche, il porto di Adria aveva già perso la sua maggior importanza, ma non fu la fine Adria assunse un nuovo ruolo di mportante bastione militare, all'interno dei territori amministrati dalla Chiesa di Roma. La fine del porto di Adria arrivò in seguito alla rotta della Cucca.
La rotta della Cucca del 17 ottobre 589 è stata una disastrosa alluvione causata dallo straripamento dell'Adige che, secondo la tradizione storiografica veneta, sarebbe stata la causa dello sconvolgimento idrografico che tra il VI e l'VIII secolo modificò sostanzialmente il panorama fluviale del basso Veneto. Così anche ad Adria vide sconvolta l'intera idrografia del territorio circostante. Adria tra il VII e l'VIII secolo divenne un feudo vescovile indipendente da quello di Ravenna. In seguito alla trasformazione in comune divenne un possedimento estense e ci rimase anche di fronte all'espansione della Repubblica di Venezia. Nel XVI ormai Adria era poco più che un villaggio in mezzo a una palude malarica, ma improvvisamente nel Seicento, quando ebbe inizio l'opera di bonifica della valle polesana cominciò ad assumere di nuovo importanza. L'invasione di Napoleone Bonaparte, nel 1796 portò Adria a far parte del Distretto di Padova. Adria nel 1797 fece anche parte dell'impero austriaco con il trattato di Campoformio: in seguito agli accordi di pace stipulati con Napoleone con lo scioglimento della prima coalizione antifrancese. Con un decreto del 27.2.1798 gli austriaci restituirono i diritti in precedenza avuti dalla Serenissima e istituirono la Provincia di Adria. Dopo la vittoria di Marengo del 14 giugno 1800 i francesi tornarono. Finalmente Adria dal 1802 al 1813 entrò a far parte della Repubblica Italiana, trasformata nel 1805 in Regno d'Italia,amministrativamente incorporata nel Dipartimento dell'Adriatico con capoluogo Venezia. L'invasione napoleonica non venne accolta positivamente; maggior favore incontrarono gli Asburgo quando conquistarono il Veneto. Sconfitto Napoleone, in seguito della restaurazione operata dal Congresso di Vienna, nel 1815 Adria fu inclusa nel regno Lombardo Veneto, sotto Prefettura di Rovigo. Gli Austriaci pur non essendo “tanto amati” dai veneti, migliorarono notevolmente le infrastrutture e la qualità delle città, comprendendo anche Adria, sostituendo nelle posizioni gestionali di importanza i veneti con amministratori austriaci. L'altro passo sarebbe stata la pulizia etnica della popolazione veneta come si fece in Dalmazia ed Istria, dove gli austriaci chiudevano tutte le scuole italiane e a forzare l'immigrazione slovenia e croata.

Monumenti e luoghi di interesse


Cattedrale Nuova dei Santi Pietro e Paolo.
l''edificio sacro di Adria dove tutt'oggi ha ancora sede la Diocesi di Adria-Rovigo. Chiesa di Santa Maria Assunta della Tomba, Modificata più volte fino ad assumere l'aspetto attuale nel 1718 ed il cui nome sembra provenire dalla vicinanza di una tomba romana, citata in antichi documenti ritrovati con ad tumbam (latino vicino alla tomba). La tradizione vuole che il vecchio campanile, che fù abbattutto nel 1928 per cedere il posto a quello odierno, sorgesse su un faro di segnalazione dell'antico porto romano.E' Conservata al suo interno una fonte battesimale di forma ottagonale, che risale al VII o VIII secolo sulla quale inciso il nome del vescovo Bomo, il terzo della diocesi di Adria. Oltra a dipinti, altorilievo in terracotta raffigurante la Dormitio Virginis ed attribuito a Michele da Firenze.

Cattedrale Vecchia di San Giovanni

Risalente al XI secolo c.a. Elevato a destra dell'edificio della nuova cattedrale. (Fu edificata negli anni 30 c.a una pregevole e suggestiva riproduzione della Grotta di Lourdes). Al suo interno troviamo: un bassorilievo in gesso riproducente il battesimo di Gesù ei medaglioni degli evangelisti, interessante è la serie dei nomi dei vescovi di Adria, con i rispettivi stemmi disposti longo il perimetro interno delle mura laterali. Sotto la Cattedrale Vecchia di San Giovanni, l'alto Medioevo ha lasciato un significativo segno della presenza cristiana in città, con i resti ancora visibili di ad una cripta di forma semicircolare, per alcuni risalente al V-VI sec., con affreschi pittorici di chiaro stile bizantino, che rappresentano gli apostoli.

Palazzi
Villa Brusemini-Colognesi-Marotto
Villa Emo, Cavallari
Villa Grassi, Baroni
Villa Tretti
Villa Papadopoli
Villa Mecenati (sede del Conservatorio "A.Buzzolla")
Palazzo Bocchi (sede della Fondazione Scolastica "Dr. Nob. Carlo Bocchi")
Palazzo Casellati
Palazzo del Vescovado
Palazzo Tassoni (Sede municipale)

Musei

Museo Archeologico Nazionale di Adria: il nucleo originario di quanto attualmente esposto nel Museo di Adria, proviene dal reperti collezionati negli anni da alcuni membri della famiglia Bocchi, a partire a fine 700, ed in particolare da Francesco Girolamo Bocchi. Sono ora conservati importanti reperti di epoca etrusca e romana, testimonianza del fiorente commercio portuale che aveva la città situata sul mare e nelle vicinanze di uno dei principali rami del Po. Molto importante la presenza di numerosi oggetti in vetro provenienti sai dai vicini insediamenti che di importazione orientale, molto interessante è una biga in ferro ritrovata assieme agli scheletri dei tre cavelli nella tomba di un guerriero celtico del IV secolo a.C.

Teatri

Il teatro Comunale del Popolao (già "del Littorio"): sorge prospiciente al ramo cittadino del CanalBianco in linea con i canoni della scuola architettonica degli Anni Trenta, ed è tuttora molto attivo, relizzato sul progetto dell'architetto G.B. Scarpari ed inaugurato nel 24 settembre 1935 con Mefistofele di Arrigo Boito, diretto da Tullo Serafin (Interpreti furono per l'occasione Tancredi Pasero, Giovanni Malipiero, Rosetta Pampanini, Giulietta Simionato, Lamberto Bergamini, Sara Scuderi e Serafina Di Leo.

Gemellaggi

- Ermont
- Kalisz
- Lampertheim
- Maldegem
- Rovigno




Ringrazio una mia Profesoressa per l'aiuto.


Ultima modifica di Francesco il Lun Nov 15, 2010 5:35 am, modificato 3 volte
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://delta.italians.tv/index.htm
Francesco
Admin
avatar

Messaggi : 315
Data d'iscrizione : 15.08.10
Località : Taglio di Po

MessaggioTitolo: Re: Adria Antico porto: la storia   Gio Nov 11, 2010 9:00 am

Spero che quando lo vediate no prendete paura affraid Very Happy lo so che sono molte informazioni ma almeno conoscete la storia di Adria un'importante porto nell'antichità.

Buona lettura Very Happy Basketball
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://delta.italians.tv/index.htm
Niky:)
Admin
avatar

Messaggi : 50
Data d'iscrizione : 17.10.10
Età : 23
Località : Taglio di Po

MessaggioTitolo: belloooo :)   Ven Nov 12, 2010 1:55 am

Un po' di paura l'ho presa all'inizio Shocked ma poi l'ho letto con più calma, la lettura è facile e veloce Very Happy
Bravo Francesco!! lol!


Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Francesco
Admin
avatar

Messaggi : 315
Data d'iscrizione : 15.08.10
Località : Taglio di Po

MessaggioTitolo: Re: Adria Antico porto: la storia   Lun Nov 15, 2010 5:38 am

Ora è perfetto. Finalmento ho trovato il tempo per sistemarlo.


BUONA LETTURA A TUTTI


Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy lol! lol! lol! Smile Smile Smile Smile
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://delta.italians.tv/index.htm
marziaporzionato



Messaggi : 22
Data d'iscrizione : 23.08.10
Età : 50
Località : Taglio di Po

MessaggioTitolo: Re: Adria Antico porto: la storia   Sab Dic 04, 2010 5:18 am

Ciao ottima ricerca me la sono letta volentieri ed ho imparato molte cose nuove. Very Happy Very Happy
Spero ne metterette altre come questa.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
cigno



Messaggi : 4
Data d'iscrizione : 24.10.10
Età : 52

MessaggioTitolo: Re: Adria Antico porto: la storia   Sab Dic 04, 2010 6:33 am

Ciao a tutti e da molto che non scrivo, oggi ho trovato il tempo per scrivere qualcosa, ho visto tutte le novità e mi è piaciuto molto questo articolo su Adria anche le altre novità mi sono piaciute molto appena avrò ancora tempo ritornerò.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Francesco
Admin
avatar

Messaggi : 315
Data d'iscrizione : 15.08.10
Località : Taglio di Po

MessaggioTitolo: Re: Adria Antico porto: la storia   Sab Dic 04, 2010 11:58 pm

Non preuccuparti vieni quando vuoi l'importante è che ti diverti e che il sito ti piaccia Very Happy
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://delta.italians.tv/index.htm
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Adria Antico porto: la storia   

Torna in alto Andare in basso
 
Adria Antico porto: la storia
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Tessuti africani, storia e tipologie. Intervista a Doris Upke John.
» SAGRA DELLA POLENTA E MERCATINI A CASTELNUOVO DI PORTO
» La storia di un piccolo hibiscus....
» Cognomi tipici svedesi
» Storia di un tasso da vivaio

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
VIAGGIO NELLE MERAVIGLIE DEL DELTA DEL PO :: Storie del Delta-
Vai verso: